Skip to main content

Sarebbe bello poter attribuire ogni oggetto a un singolo genio, ma alcuni degli articoli più utili di cui facciamo uso sono spesso anonimi e hanno origini banali. Il merito per l’invenzione della molletta per i panni è spesso attribuito agli Shaker, una setta religiosa fondata negli Stati Uniti nel 1772. Gli Shaker furono artefici di pezzi d’arredamento originali, che ritenevano essere l’espressione tridimensionale della loro fede. A questo scopo ogni articolo da loro prodotto era improntato alla massima semplicità: ogni dettaglio essenziale, ogni intento decorativo biasimevole.

La molletta classica cui noi ci riferiamo è formata da due barrette di legno tenute insieme da una molla d’acciaio che le unisce saldamente l’una all’altra. La molletta per i panni contemporanea, cosi come noi la conosciamo, nacque invece nel 1944, quando Mario Maccaferri produsse una versione in plastica resistente. La molletta è diventata uno degli esempi più classici del design nel 1976, grazie all’artista Claes Oldenburg che ne realizzò un’opera d’arte gigantesca: semplicemente intitolata Clothespin, alta ben 13,7 metri, fu installata nella Center Square Plaza a Filadelfia.


NOME PRODOTTO_ CLOTHESPIN

DESIGNER_CLAES OLDENBURG

CREDITI_DESIGN IN 1000 OGGETTI/PHAIDON DESIGN CLASSICS

CREDITI FOTOGRAFICI_ https://www.flickr.com/photos/tomspix/43986354314/in/photostream/ – https://cranbrookartmuseum.org/artwork/claes-oldenburg-clothespin-four-foot-version/

info@gianmarcotoscano.it
+39 377 6886773

Via Acquicella Porto 30
95121 Catania