Skip to main content

Non si sa con esattezza quando è stato inventato il metro pieghevole, ma ne esistono esemplari a partire dalla metà del XIX secolo. I metri di precisione venivano generalmente realizzati in metallo, ottone o acciaio. Il metallo era caro, difficile da lavorare e pesante, per questo prima dell’introduzione della plastica erano d’avorio o di legno. Veniva solitamente utilizzato il legno di bosso, duro e dalle venature sottili e scure che non si dilatava ne si contraeva con l’umidità. Fabbricati con cerniere e profili di ottone era di fondamentale importanza che le cerniere fossero perfettamente strutturate in modo da permettere al metro di restare aperto senza cedere.

Ne esistevano di diverse lunghezze: da 43 cm, abbastanza piccolo da entrare in una tasca, a 268 cm, pensato per essere riposto nella cassetta degli attrezzi. La comparsa nel 1932 del metro retrattile a nastro di metallo segnò l’inizio del costante declino del metro pieghevole: ma l’impatto e l’influenza di quest’ultimo erano stati tali da aprire le strade a ulteriori sviluppi.


NOME PRODOTTO_METRO PIEGHEVOLE

CREDITI_DESIGN IN 1000 OGGETTI/PHAIDON DESIGN CLASSICS

CREDITI FOTOGRAFICI_ https://www.shpock.com/en-gb/i/XuClKGnsukbJN0Da/metro-pieghevole-vintage-in-ottone – https://www.stabila.com/it/prodotti/qualita-e-tecnologia/doppimetri-pieghevoli.html

info@gianmarcotoscano.it
+39 377 6886773

Via Acquicella Porto 30
95121 Catania